Amare la propria differenza sessuale per amare l’altro/a

irigaray

 

 

Luce Irigaray:
amare la propria differenza sessuale per amare l’altro/a

ne discutiamo con

Grace Spinazzi
insegnante presso la Freie Waldorf Schule Meran

Laura Candiotto
dottore di ricerca in filosofia

sabato 8 marzo 2014
ore 17,30
Ateneo degli Imperfetti
Via Bottenigo 209 / Marghera VE

Amare la propria differenza sessuale per amare l’altro/a: questo è il presupposto per la creazione di un mondo migliore, felice, mai neutro; perché solo il rispetto dei “primi altri”, gli altri “di genere”, rappresenta la chiave per il rispetto di tutte le differenze (culturali, religiose, linguistiche, ecc.). Solo a partire dal “due sessuato”, riconosciuto e rispettato reciprocamente, è possibile una globalizzazione non distruttiva della soggettività individuale e della pluralità di identità. Due studiose condivideranno parole, pensieri e punti salienti della filosofa francese Luce Irigaray, una delle più grandi figure femminili del ventesimo secolo. Iniziatrice del pensiero della differenza sessuale, Luce Irigaray rappresenta il cuore e la cornice di tante importanti rivoluzioni. Una filosofia che propone, a partire dalla lettura femminile del mondo e dalle lotte per i diritti delle donne, uno sguardo “di due”, uomo e donna, “diversi”, irriducibili l’uno all’altra e per questo innamorati, alleati, compagni, concittadini. Grazie all’altro/a ognuno/a può tornare a se stesso/a, può riscoprire una vera identità sessuata, libera dai preconcetti e dalla cultura patriarcale. Le donne e gli uomini hanno così la possibilità di andare oltre l’assoggettamento e anche oltre la parità: il linguaggio, la politica, l’educazione devono partire dalle due realtà, dai due soggetti che abitano questa terra. All’interno di questa prospettiva, l’Oriente ci insegna ad avere consapevolezza e a praticare il respiro che significa distanza, ovvero l’aria che insieme respiriamo e che ci permette lo spazio per rimanere “io” e “te”.

Grace Spinazzi
appassionata di Filosofie femministe e Storia delle donne fin dai tempi del liceo, si è laureata in Filosofia presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia con una tesi su Luce Irigaray, con la quale ha collaborato per diverse iniziative. Attualmente è insegnante presso la Freie Waldorf Schule Meran. Ha scritto: “Luce Irigaray, Amore vero. «Amare a te e amarmi per quello che siamo»”, in L. Candiotto, a cura di L. V. Tarca, Primum Philosophari. Verità di tutti i tempi per la vita di tutti i giorni, Mimesis, Milano-Udine 2013, pp. 359-369.

Laura Candiotto
dottore di ricerca in filosofia, è assegnista di ricerca in filosofia teoretica presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. Uno dei suoi principali argomenti di ricerca è il concetto di relazione, sia da un punto di vista ontologico ed epistemologico sia da un punto di vista pratico ed esperienziale. In particolar modo ha studiato il dialogo socratico, antico e contemporaneo, come via per la ricerca comune. Ha pubblicato: Le vie della confutazione. I dialoghi socratici di Platone, Mimesis, Milano-Udine 2012.
Le due studiose partecipano assieme da più di dieci anni al Seminario Aperto di Pratiche Filosofiche dell’Università Ca’ Foscari di Venezia (Referente Prof. Luigi Vero Tarca)

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...