Archivi tag: Laura Candiotto

IL POTERE SULLA VITA: ETICA O ECONOMIA DELLA CURA? Convegno a Venezia, sabato 19 settembre 2015 presso la Scuola Grande di San Marco

Anche quest’anno si rinnova la collaborazione della nostra associazione con l’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Venezia e l’Università Cà Foscari di Venezia per la realizzazione del terzo convegno che lega filosofia e medicina dal titolo IL POTERE SULLA VITA: ETICA O ECONOMIA DELLA CURA? 

I lavori si svolgeranno presso la Scuola Grande di San Marco sabato 19 settembre 2015.

All’evento verranno assegnati 8,5 crediti ECM. Per iscrizioni segreteria@oridinedeimedicivenezia.it

Brochure Convegno Il Potere sulla vita

Sito dell’Ordine dei Medici di Venezia

Prime anticipazioni sul convegno

La vita dei medici attraverso il Teatro Forum: intervista a Laura Candiotto ed Emilio Ciapponi

Intervista al dott. Franco Fabbro sul convegno e la sua preparazione attraverso i “Mercoledì Filosofici”

Pagina Facebook

PROGRAMMA

Ore 8.30 – 9.00 Accoglienza e colazione Sala San Domenico Ospedale SS. Giovanni e Paolo.

Ore 9.15 Saluti inaugurali Dr. Giovanni Leoni, Presidente OMCeO Venezia, Prof. Luigi Vero Tarca, Università Ca’ Foscari Venezia Dr. Giuseppe Dal Ben, Direttore Generale ULSS 12 Dr. Maurizio Scassola, Vicepresidente Nazionale FNOMCeO Dr.ssa Roberta Chersevani, Presidente Nazionale FNOMCeO
Ore 9.30 Dalla carità al diritto alla salute nella regola della Scuola Grande di San Marco Dr. Mario Po’, Direttore Scuola Grande di San Marco
Ore 9.40 Presentazione del volume Le radici della scelta: la vocazione per la professione medica, Mimesis 2015 Prof. Fabrizio Turoldo, Università Ca’ Foscari Venezia
Ore 9.50 Presentazione del Master: Le equipe multi professionali in ambito medico Prof.ssa Ivana Padoan, Università Ca’ Foscari Venezia, Dr. Roberto Valle (comitato scientifico Ars Medica)
Ore 10.00 Dai mercoledì filosofici al Convegno: la nascita di una idea Dr.ssa Elisabetta Favaretto, Presidente LAI (Libera Associazione d’Idee), Dr.ssa Ornella Mancin (presidente Ars Medica)
Prima sessione chairwoman: Dr.ssa Ornella Mancin
Ore 10.15 – Interrogare la realtà del medico a partire dall’autobiografia
– Rifiuto del dolore e illusione di immortalità, Dr. Alessandro Pasqual, medico in formazione – Diritto alla salute e pretesa di felicità, Dr. Gabriele Gasparini, medico Neuroradiologo Ospedale dell’ Angelo ULSS 12 – Medico tra etica ed economia della cura, Dr. Luca Sbrogiò, Direttore Sanitario ULSS 14
Seconda sessione chairwoman: Dr.ssa Laura Candiotto
ore 11.00 La realtà del medico vista con lo sguardo della:
– filosofia: Prof. Luigi Vero Tarca, Università Ca’ Foscari Venezia – economia: Prof. Stefano Campostrini, Università Ca’ Foscari di Venezia – sociologia: Prof. Italo De Sandre, Università degli Studi di Padova
ore 12.00 Dibattito con il pubblico condotto da Dr.ssa Roberta Chersevani e Dr. Maurizio Scassola
ore 13.00 Pranzo
ore 14.00 TEATRO FORUM: “Cura a ostacoli” presso aula Degli Angeli-Ospedale SS. Giovanni e Paolo Performance teatrale condotta da Dr. Roberto Mazzini (Cooperativa Giolli, Parma), realizzata all’interno del laboratorio condotto da Dr. Emilio Ciapponi e Dr.ssa Laura Candiotto in collaborazione con l’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri di Venezia con il coordinamento del Dr. Marco Ballico (Comitato scientifico Ars Medica) e LAI (Libera Associazione di Idee) Con musiche di Francesco Zennaro
ore 17.00 Chiusura lavori a cura del Dr. Giovanni Leoni SEGRETERIA SCIENTIFICA: Dr.ssa Ornella Mancin e Dr.ssa Laura Candiotto

PER ISCRIZIONI: e-mail:segreteria@ordinemedicivenezia.it – Tel: 041 989479 – Fax: 041 989663

All’evento verranno assegnati 8,5 crediti formativi ECM – Numero massimo iscritti 100

locilpoteresullavita

Mappa

Annunci

APERITIVI FILOSOFICI a Montebelluna

APERITIVI FILOSOFICI
L’albero dei desideri

wishingTreeHiroshige

Società filosofica italiana sezione trevigiana in collaborazione con Libera Associazione di Idee

Montebelluna – marzo-luglio 2015

14.03 h.17,30 I. Cannonieri
La mente e l’inchiostro
Itinerari tra letteratura e filosofia.
C’è una linea di confine che distingue e congiunge letteratura e filosofia. È un bordo, un margine, lungo il quale si toccano e si travasano l’una nell’altra. È possibile vederlo? E percorrerlo? Cosa accade quando ci si accorga che non è solo un’allucinazione e si voglia eleggerlo a dimora del proprio modo di pensare, di scrivere, di esistere?

11.04 h.17,30
D. Cavallin
Prove razionali dell’esistenza e dell’inesistenza di Dio
Da Aristotele a Gödel
Ognuno di noi, almeno una volta nella vita, si è chiesto se oltre il cielo, al di là delle stelle, c’è qualcosa.
Passeremo allora in rassegna i principali tentativi elaborati nella storia della filosofia per dimostrare o negare razionalmente l’esistenza di Dio, facendo appello cioè non tanto al cuore o all’istinto, ma alla logica e all’esperienza sensibile.

09.05 h.17,30
L. V. Tarca
Tra morte e immortalità: l’esperienza umana oggi
Nell’epoca della relativizzazione di tutte le verità, ovvero della distruzione di tutti gli immutabili, anche le verità più certe e più salde si trasformano inesorabilmente in “favole”. Questo accade persino per quella che finora si è presentata come la più indubitabile e la più concreta di tutte, cioè l’idea che la morte è il destino che attende tutti gli umani. Infatti, l’età della tecnica, nella quale l’unico principio che sembra valere è quello per cui “tutto è possibile”, si sta incaricando di superare anche quest’ultimo tabù. Lo scenario che si apre è difficile anche solo da intravedere e aggiunge spaesamento all’inquietudine che suscita sempre il pensiero della morte, giacché toglie ai mortali anche l’ultima certezza, quella appunto del limite della vita. Proprio questo provoca la riflessione filosofica, qui più che mai urgente; la sua radicalità può infatti aiutarci a scorgere l’ambivalenza per la quale la perdita dell’estrema “consolazione” annuncia forse anche l’apertura, per ciascuno di noi, di un orizzonte di senso finora semplicemente inimmaginabile.

13.06 h.16,00
S. Sangiorgio, L. Candiotto
L’albero… (con Stefano Sangiorgio)
…dei desideri (con Laura Candiotto)

esperienze di pratiche filosofiche

Sentirsi albero
Gli alberi sono compagni silenziosi ed essenziali della nostra vita. Troppo vicini per essere ignorati e troppo lontani per essere ascoltati dalla nostra umanità, gli alberi subiscono spesso le violenze derivanti dall’essere considerati inferiori.
Attraverso una breve introduzione filosofica e aiutati da semplici pratiche corporee ispirate al Tai Chi Chuan, i partecipanti saranno condotti ad un migliore ascolto di sé, a un punto di incontro con gli alberi e infine a un esperimento di immedesimazione in essi.
Café Philò: “L’animale che mi porto dentro”
Socrate e Platone hanno individuato nel dialogo lo strumento e il contesto necessario per ricercare la verità. Il dialogo condiviso in gruppo richiede il mettersi in discussione in prima persona, vagliando le proprie certezze e stili di vita e sviluppando le proprie capacità di ascolto, ricerca e relazione con l’altro.
Attraverso il Café Philò i partecipanti potranno sperimentare la ricchezza di una ricerca condivisa, che è fatta di parole, gesti, ragioni ed emozioni. Il tema del dialogo, introdotto da Laura Candiotto, sarà il ruolo rivestito dai desideri nella vita quotidiana, intesi da diverse tradizioni filosofiche e spirituali come animali che agiscono dentro di noi e che ci inducono a compiere determinate azioni. In particolare si lavorerà attorno al concetto di ambivalenza del desiderio, nel suo essere forza che agisce in nome del bene dell’organismo e di ostacolo che legittima l’interesse della parte.

11.07
I. Cannonieri
Dunque, dopo tutto…serve la filosofia?
Frequentemente si possono osservare a livello di senso comune due atteggiamenti contrastanti nei confronti della filosofia: uno di rifiuto (la filosofia come inutilità assoluta); l’altro di corteggiamento
(la filosofia come uno scrigno da cui cavare soluzioni). Anche sulla scorta delle esperienze fatte nei precedenti incontri, il tentativo e l’ambizione saranno quelli di portarsi oltre la vaghezza della cognizione di cosa sia la filosofia (che accomuna quegli atteggiamenti) e di provare a rispondere con rinnovata consapevolezza a domande che sono fondamentali per la filosofia stessa: serve la filosofia? A cosa? In che modo?

PROGRAMMA APERITIVI FILOSOFICI

Aperitivi-filosofici-Montebelluna_Page_1

Aperitivi-filosofici-Montebelluna_Page_2

Seminario Aperto di Pratiche Filosofiche: 10 novembre incontro con Massimo “sbiZZa” Bevilacqua. Composizione musicale e vita poetica

sbizza

Massimo “sbZZa” Bevilacqua. Composizione musicale e vita poetica. La ricerca della parola nell’ascolto

Autobiografia filosofica, Reading poetico e Performance acustica a partire dalla raccolta di poesie Morfologia dell’abbandono e dai dischi Tinamo e Mille inverni più di me

Seminario Aperto di Pratiche Filosofiche, Dipartimento di Filosofia e Beni Culturali in collaborazione con Libera Associazione di Idee

Lunedì 10 novembre ore 15:45 Aula 4 San Sebastiano

Evento -Cà Foscari

Locandina

Comunicare in medicina. L’arte della relazione

Dall’esperienza dell’omonimo  convegno organizzato lo scorso anno è appena uscito il libro:

Comunicare_in_me_5429256a9246e

Comunicare in medicina

L’arte della relazione

La deumanizzazione in medicina, che regola le relazioni tra i medici, i pazienti e i familiari secondo i bisogni dell’apparato sanitario, spesso in contrasto con quelli degli umani, e la medicina difensiva, che crea un clima di sospetto reciproco tra il medico e il paziente, minano alle fondamenta ogni possibilità di costruire relazioni efficaci. Il volume ha l’ambizione di raccogliere riflessioni teoriche e prospettive pratiche che siano in grado di rispondere a tali problematiche sempre più urgenti, riconoscendo il valore centrale della comunicazione. La filosofia si configura quindi, nel suo connubio con la medicina, come un’arte della relazione. “Prendersi cura di chi cura” è quindi il motto che accompagna le pratiche filosofiche per la medicina.

Laura Candiotto, Phd, è assegnista di ricerca in filosofia teoretica presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia con un progetto sulla nozione di relazione. Studiosa di Platone, promuove laboratori in contesti educativi, formativi e lavorativi. Il metodo socratico è alla base della sua proposta di pratiche filosofiche per la medicina. Autrice di Le vie della confutazione. I dialoghi socratici di Platone (2012) e curatrice con Luigi Vero Tarca di Primum Philosophari. Verità di tutti i tempi per la vita di tutti i giorni (2013).

Luigi Vero Tarca è professore ordinario di Filosofia teoretica presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. Allievo di Emanuele Severino, ha elaborato una originale prospettiva filosofica che ha implicazioni anche nel campo delle pratiche filosofiche. Tra le sue opere ricordiamo: Differenza e negazione. Per una filosofia positiva (2001), La filosofia come stile di vita. Introduzione alle pratiche filosofiche (2003; scritto con R. Màdera).

Prefazione di Maurizio Scassola.

Contributi di: Andrée Bella, Massimiliano Cabella, Laura Candiotto,  Christian Doni, Ornella Mancin, Bruna Marchetti, Tiziana Mattiazzi, Giovanni Leoni, Ivana Padoan, Sandro Panese, Luigi Perissinotto, Luigi Vero Tarca, Stefano Sangiorgio, Mauro Semenzato, Pietro Valenti.

CONVEGNO: “Le radici della scelta: la Vocazione nella Professione Medica – la Filosofia incontra la Medicina” 20.09.2014

covegnomfilomed2014

La professione medica vive una fase di “malessere” profondo legato a una molteplicità di fattori: estrema burocratizzazione, rischio professionale crescente, aumento delle attese di salute a fronte di tagli alla spesa sanitaria; tutto questo sta spingendo la classe medica verso un rischio elevato di burn-out.

L’OMCeO-VE in collaborazione con Libera Associazione di Idee propone un Convegno di analisi e riflessione sulle radici della vocazione medica, al fine di recuperare il significato più profondo dell’essere medico, continuando la collaborazione col dipartimento di Filosofia dell’Università Cà Foscari di Venezia – iniziata lo scorso anno – nella consapevolezza che le nostre “radici” affondano nella cultura umanistica classica e nel pensiero filosofico.

Scopo del Convegno è fornire ai medici strumenti per recuperare le proprie risorse interne ed antropologiche attraverso laboratori esperienziali condotti da filosofi esperti, per essere in grado di sostenere la fatica di una sanità che si sta rapidamente rinnovando.

In allegato il programma e la locandina.

INFORMAZIONI E ISCRIZIONI

La partecipazione al Convegno è gratuita. E’ obbligatoria l’iscrizione inviando una mail all’indirizzo: segreteria@ordinemedicivenezia.it

Posti disponibili: 80

Crediti ECM assegnati: 7

Categorie professionali: • Medici Chirurghi • Odontoiatri

Allegati:

Ciclo di incontri: I Mercoledì Filosofici dell’Ordine dei Medici

la-scuola-di-atene-palazzi-vaticani-citta-del-vaticano-raffaello-sanzioIl 7 Maggio 2014 è previsto il primo incontro dei “Mercoledì filosofici dell’Ordine”, un ciclo di incontri per riflettere sulla professione medica e recuperare la capacità di vedere le cose in modo più profondo, di darvi un senso, di cogliere significati e ricercare valori grazie all’aiuto delle Pratiche filosofiche.

La FONDAZIONE ARS MEDICA e LIBERA ASSOCIAZIOE DI IDEE con il patrocinio dell’Ordine dei Medici di Venezia organizzano
I MERCOLEDI’ FILOSOFICI DELL’ORDINE

PROGRAMMA

Mercoledì 7 maggio 2014: La vocazione per la professione medica
(Luigi Vero Tarca).
Mercoledì 21 maggio 2014: La cura della persona. Laboratorio di dialogo socratico
(Laura Candiotto, Elisabetta Favaretto).
Mercoledì 4 giugno 2014: Le emozioni che sorreggono la motivazione alla professione. Laboratorio sulle immagini
(Bruna Marchetti, Tiziana Mattiazzi).
Mercoledì 18 giugno 2014: In ascolto della propria vocazione. Laboratorio mente-corpo
(Christian Doni, Massimiliano Cabella, Mauro Semenzato).

I quattro incontri si configurano come un unico laboratorio sperimentale
Gli incontri si svolgeranno presso la sede dell’Ordine in Via Mestrina 86 Mestre (Ve)
con inizio alle ore 20.30 ed avranno una durata di circa 2 ore.

Allegati Disponibili:

PROGRAMMA MERCOLEDI FILOSOFICI_2.pdf (349 KB)